top of page
  • seobuselli

Pareti divisorie per ufficio


pareti divisorie per ufficio a firenze

Spesso gli uffici di una grande azienda pubblica o privata operante in qualsiasi settore vengono ottenuti all'interno di enormi spazi indivisi. Questo significa da un lato dover investire per creare degli uffici che permettano un minimo di privacy per i clienti e per gli operatori, dall'altro la possibilità di plasmare la struttura secondo le proprie specifiche esigenze.


INDICE ARTICOLO


Pareti divisorie in vetro per ufficio


Una delle soluzioni più esclusive ed eleganti da prendere in considerazione solo le pareti divisorie in vetro per uffici.


Sono dei prodotti di grande qualità che sfruttano al meglio le caratteristiche del cristallo capaci di donare agli spazi luce eleganza e sensazione di profondità.


Possono essere previste in diverse configurazioni per quanto riguarda le forme dell'ambiente creato e per quanto concerne anche i materiali con l'opportunità di sviluppare il progetto con doppia lastra oppure con mono lastra.


Gli spazi possono essere sagomati facilmente con un intervento di installazione per nulla invasivo che non richiede opere architettoniche o comunque degli interventi troppo costosi.

Le pareti divisorie in vetro sono certamente eleganti ma sono anche funzionali per altre esigenze come ad esempio la possibilità di creare comunque nell'ufficio un certo isolamento acustico.


Il progetto può essere sviluppato tenendo conto di quelle che sono le caratteristiche dell'azienda e il messaggio che si vuole veicolare al cliente che arriva in sede.


L'insonorizzazione è importante non solo per questioni di privacy, ma anche per consentire ai professionisti dell'azienda di poter lavorare in maniera corretta senza distrazioni per ottimizzare il livello di qualità dei servizi.


Inoltre è possibile applicare delle vetrofanie di varie forme e dimensioni per le più disparate esigenze come indicare un particolare ufficio, orari di apertura, loghi dell'azienda e tanto altro.


Solitamente queste strutture che vengono poi create per contenere le pareti divisorie in vetro sono previste fino a un'altezza di 300 cm e sono state implementate con una struttura a vetro stratificato.


Questo avviene nel caso di molo lastra ma c'è anche la possibilità di inserire una duplice lastra. La duplice lastra è soprattutto indicata per quegli ambienti in cui si vuole ottenere la perfetta insonorizzazione, si pensi ad esempio all'ufficio dove si tengono le riunioni tra i manager piuttosto che tra i vari impiegati per pianificare un nuovo lavoro e gestire al meglio i flussi di lavoro.


Tra l'altro con la soluzione a doppia lasta è anche possibile pensare di personalizzare il risultato finale inserendo nell'intercapedine degli elementi per ottenere isolamento visivo come ad esempio le tende alla veneziana, quelle più settate e altre soluzioni simili che solitamente vengono utilizzate in questi contesti lavorativi.

Pareti divisorie mobili per ufficio


L'economia oggi è basata soprattutto sul concetto di flessibilità e versatilità. Questo lo si applica anche e soprattutto nelle soluzioni prese in considerazione per arredare e ottimizzare gli spazi di un ufficio.


In particolare è possibile pensare di utilizzare le cosiddette pareti divisorie mobili grazie alle quali si ottengono numerosi vantaggi.


Partiamo però dalla definizione. Si parla di pareti divisorie mobili quando si fa riferimento a degli elementi non fissi che suddividono gli spazi a disposizione e questo significa che si possono spostare costantemente nel tempo senza problemi.


Evidentemente c'è un vantaggio dal punto di vista dell'installazione di queste pareti divisorie che letteralmente vengono soltanto posizionate sul pavimento e ancorate tra di loro per garantire quella necessaria solidità.


Le pareti divisorie possono essere di diverse tipologie ossia quelle in vetro e in altri materiali. È una soluzione da prendere in considerazione soprattutto per le aziende che hanno spesso l'esigenza di modificare la dislocazione degli uffici e i servizi proposti al proprio cliente.


In questo caso le modifiche sono praticamente a costo zero perché una volta posizionate le pareti divisore e con un minimo di supporto da parte di un tecnico qualificato è possibile rimodulare il tutto secondo le nuove esigenze.


Inoltre viene sempre garantita una certa privacy che può essere anche visiva con delle pareti che non permettono il contatto visivo tra l'interno e l'esterno. Ci sono sempre le soluzioni in vetro oppure quelle che in parte sono in vetro e in parte in altri materiali oscuranti.

Pareti divisorie autoportanti


Tra le tante soluzioni messe a disposizione per le esigenze di chi vuole creare uffici all'interno di spazi molto più ampi per assecondare le varie esigenze dei clienti ci sono le pareti divisorie autoportanti.


Sono dei prodotti che ugualmente garantiscono massima flessibilità perché possono essere rivisti e riposizionati senza dover effettuare interventi molto invasivi come le opere murarie piuttosto che l'installazione a soffitto.


Infatti le pareti divisorie autoportanti dividono gli spazi di lavoro però non vengono fissate al soffitto.


Tuttavia è bene ricordare che queste opere richiedono però l'ancoraggio a qualche elemento della struttura come potrebbe essere una parete per ottimizzare ulteriormente la solidità.


Come è facile intuire si tratta di un sistema autoportante per cui è necessario che soprattutto nella parte superiore ci sia un irrigidimento della struttura. Per garantire il massimo riscontro sotto questo punto di vista c'è un tecnico qualificato che si occupa del progetto per garantire alcuni vincoli realizzativi fondamentali come le pareti ortogonali ossia posizionati a 90 gradi tra di loro.


È comunque una struttura molto flessibile perché si parla di una sorta di sistema di assemblaggio nel quale i vari elementi vengono posizionati per creare un ambiente ottimale per un ufficio oppure per creare una sala riunioni per tutti i vari dirigenti.


Nonostante non vengano fissate al soffitto si ottiene comunque una certa privacy sia dal punto di vista visivo che sonoro. Tuttavia va tenuto in conto che se si vuole ottimizzare l'insonorizzazione, bisogna indirizzare l'attenzione verso altre soluzioni con pareti che invece chiudono tutto lo spazio in altezza.


Spesso vengono utilizzate anche per dividere gli spazi interni di immobili che hanno un'altezza molto elevata rispetto a quelle consuete, per cui si risparmia sulla necessità di costruire delle pareti elevate con dei costi ulteriori.


Vanno prese in considerazione le pareti divisorie autoportanti anche nel caso in cui in un capannone piuttosto che in un ampio ufficio ci siano già degli impianti di trattamento dell'aria per cui il soffitto non può essere toccato in alcun modo.


Esistono diverse tipologie di pareti autoportanti, ad esempio realizzate con delle vetrate piuttosto che con delle pareti cieche che non permettono il contatto visivo con le persone all'esterno dell'ufficio.


L'altezza di queste pareti possono andare da circa 130 cm fino a un massimo di 210 cm. Sono numerosi i vantaggi come ad esempio la possibilità di riconfigurare facilmente le dimensioni dell'ufficio e permettere il transito degli impianti senza dover effettuare delle opere di ristrutturazione.


Inoltre essendo completamente personalizzabili, garantiscono anche un bellissimo impatto estetico. Lo svantaggio più grande è ovviamente legato alla mancanza di privacy dal punto di vista acustico

Quanto costa costruire una parete divisoria?


Un aspetto che spesso preoccupa le società che vogliono rivedere gli spazi dei propri uffici attraverso l'utilizzo delle pareti divisorie è certamente il costo.


Si tratta di una preoccupazione che in realtà non trova riscontro nei fatti perché questo prodotto si fa apprezzare proprio per l'ottimo rapporto qualità-prezzo e per la possibilità di creare un sistema riconfigurabile nel tempo senza costi aggiuntivi rilevanti.


Volendo dare un'idea abbastanza concreta della spesa che si potrebbe sostenere, bisogna fare la differenziazione perché Il costo dipende da tantissimi fattori.

Innanzitutto c'è da considerare la manodopera prevista per l'installazione e questo dipende anche dalla tipologia di pareti divisorie che si stanno utilizzando.


In seconda battuta ma ugualmente impattante è il discorso legato all'utilizzo dei materiali perché un conto è scegliere una parete divisoria in vetro magari con doppio strato e tutt'altro genere di prodotto è quello in cui si utilizza il cartongesso piuttosto che dei pannelli che garantiscono privacy visiva.


In particolare se si vuole realizzare un classico muro divisorio in cartongesso i prezzi solitamente vanno tra un minimo di €30 al metro quadrato fino a un massimo di 40 oppure 50 euro al metro quadrato se si tratta di cartongesso termoisolante.


Questo significa che ad esempio per realizzare una parete di circa 15 metri quadrati tra costi vari è possibile arrivare a una spesa che si aggira intorno ai 1000 euro. Differente è il caso di pareti divisorie in vetro perché c'è un discorso legato al materiale che è decisamente più pregiato e costoso.


In linea generale il prezzo delle pareti divisori in vetro base va da un minimo di 60€ fino a un massimo di 200 euro che possono diventare 300 euro nel caso di vetro scorrevole se si vuole avere una soluzione ancora più esclusiva.


Dunque, prendendo in considerazione la stessa tipologia di parete se si possiede 15 metri quadrata una parete divisoria in vetro può arrivare al massimo a costare 4.500 euro. D'altronde potrebbe costare anche soltanto 1000 - 1200 euro se si sceglie un vetro base nella configurazione mono lastra.

Pareti divisorie fonoassorbenti per ufficio


Una soluzione alternativa alle pareti in vetro e alle pareti divisorie autoportanti è quella delle pareti divisorie fonoassorbenti.


Si tratta di un prodotto ideale per dividere un open space e per garantire anche un certo isolamento acustico.


La loro particolarità è che le pareti vengono realizzate con l'uso di materiali fonoassorbenti in grado di assorbire l'onda sonora per evitare che questi abbia un rimbalzo e si crei quel fastidioso effetto rimbombo.


Sono quindi dei prodotti che migliorano l'ambiente di lavoro e certamente aiutano l'operatore ad avere maggiore concentrazione e capacità di lavorare correttamente.

Inoltre c'è anche un riscontro dal punto di vista estetico perché le pareti divisorie fonoassorbenti possono essere personalizzate per quanto riguarda il colore e le linee.


Tra l'altro grazie a tecniche innovative, è anche possibile abbinare i pannelli per le pareti divisorie fonoassorbenti con altre tipologie di soluzioni come le pareti in vetro.

A chi rivolgersi per realizzare pareti divisorie per uffici a Firenze?


Suddividere in maniera ottimale un open space lavorativo per creare diversi uffici e offrire ai propri clienti dei servizi professionali dando peraltro un'immagine di eleganza e funzionalità, è un'attività che deve essere gestita da aziende specializzate come nel caso di Biemme Restauri.


Da oltre 25 anni ci occupiamo della progettazione e realizzazione di pareti divisorie per uffici a Firenze permettendo al cliente di poter valutare delle soluzioni di grande eleganza come nel caso delle pareti in vetro e più altre ancora più improntate alla flessibilità e alla versatilità come le pareti divisorie mobili e quelle con sistema autoportante.


Inoltre con l'utilizzo di pannelli fonoassorbenti si migliora anche l'ambiente di lavoro eliminando quel fastidioso effetto rimbombo.

35 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page